Auto

Nuova Chevrolet Corvette: una supercar dal basso costo

Chevrolet Corvette

Supercar e l’espressione “costare poco” sono due cose che spesso e volentieri non vanno d’accordo. Questo, però, non sembra essere il caso della nuova Chevrolet Corvette con il prezzo base intorno ai 60mila dollari.

Nuova Chevrolet Corvette

Come nasce la nuova supercar

L’auto nasce da una piattaforma elettrica del tutto nuova ovvero la Global B di GM. Questa nuova architettura, inoltre, verrà utilizzata in futuro anche per altre automobili che saranno al 100% elettriche. Un telaio del tutto nuovo e che rappresenta un grande vanto e orgoglio per la casa americana. La casa automobilistica a stelle e strisce vuole infatti creare attorno al Global B GM il vero punto di forza del nuovo corso della vita dell’icona Corvette. Essendo una piattaforma modulare sarà anche possibile sfruttarla negli anni futuri, così da ammortizzare ulteriormente il costo di partenza.

Parliamo di interni

Uno dei punti deboli e che hanno sollevato le maggiori critiche delle ultime Corvette sono sempre stati gli interni definiti spesso e volentieri troppo semplici. Questa nuova supercar sembra aver spazzato via queste difficoltà in modo tale da creare l’abitacolo migliore mai realizzato dalla csa americana. La vettura pare avere finalmente interni alla pari delle sue rivali, grazie ad un sistema di infotainment moderno e connesso, e con un layout che strizza l’occhio anche all’Europa.

Potenza e motore, sinonimi

Il motore della nuova vettura d’oltreoceano è stato montato in posizione centrale e possiamo dire che romba a piena potenza. Sotto il cofano l’auto monta un V8 da 6,2 litri che produce 495 cavalli e 470 Nm, abbinato al cambio automatico a doppia frizione a otto rapporti.

Prezzo e disponibilità

La nuova vettura della casa a stelle e strisce si presenta quindi come una vettura dal basso costo (per una supecar, ovviamente) ma dal comfort e della potenza invidiabili. Con il suo prezzo base che si aggira intorno ai 60mila dollari, le consegne per il 2020 sono già quasi esaurite costringendo i futuri acquirenti ad aspettare l’anno successivo ovvero il 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *